Biglietti per Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid

Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid

Ulteriori informazioni

Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid

Informazioni sull'evento

Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid

Non perdere l'opportunità di conoscere il Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, una visita obbligata, se desideri conoscere la Cultura e la Storia di questa città.

Prenditi un po' di tempo a Madrid per vedere una collezione d'arte straordinaria nella sua estensione. E prenditi anche un minuto per ringraziare l'industriale ungherese Barone Heinrich Thyssen-Bornemisza de Kászon per avere scelto il collezionismo come hobby.

Il nome può essere difficile da pronunciare, ma non lasciare che questo ti scoraggi dall'andare a visitare la collezione Thyssen. È una delle più straordinarie e più grandi collezioni private del mondo.

Mentre il Prado e il Reina Sofia vanno in profondità, il Thyssen punta tutto sull'estensione. Molti dei grandi nomi dell'arte sono qui, a volte con un solo dipinto. Invece di offrire retrospettive sugli artisti, il Thyssen fornisce una visione d'insieme di centinaia di anni di progresso nell'arte; avere tutti questi pesi massimi sotto lo stesso tetto non è qualcosa che si trova da altre parti.

Il museo è stato ideato dal celebre architetto spagnolo Rafael Moneo, che si è anche occupato dell'estensione del vicino museo del Prado. Con l'aiuto della quinta moglie del barone Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza, Carmen Cervera (oltre ad aver aiutato il trasferimento della collezione in Spagna, ha anche scelto il color rosa salmone delle pareti)

Il modo migliore per vedere il museo è iniziare al piano superiore e proseguire scendendo. In questo modo viaggerai in avanti attraverso la storia, dall'arte medievale al secondo piano passando all'Impressionismo, post Impressionismo e Espressionismo al primo piano e l'avanguardia al piano terra.

Una nuova ala (costruita sul sito di una villa confinante) contiene un comodo bar e un ristorante. C'è anche un piccolo negozio con libri d'arte, guide al museo e cartoline. Nei mesi estivi il ristorante El Mirador apre il terrazzo al piano più alto.

Il Thyssen-Bornemisza accoglie circa un milione di visitatori l'anno. Può essere piuttosto affollato, quindi sii furbo e compra un Tiquet - risparmierai tempo e grattacapi

L'Arrivo della Collezione

Il barone Heinrich Thyssen-Bornemisza de Kászon ha iniziato la collezione negli anni '20 del secolo scorso, acquistando - tra le altre cose - le collezioni di ricchi americani alle prese con la Grande Depressione. Il figlio di Heinrich, il barone Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza ha esteso la collezione acquistando opere da parenti e scegliendo pezzi nuovi. A poco a poco la collezione divenne troppo grande per la sua casa a Lugano, in Svizzera.

Nel 1985 Hans sposò l'ex Miss Spagna Carmen "Tita" Cervera. La sua influenza fu fondamentale nel convincere il marito a spostare gran parte della collezione nella capitale spagnola. Il museo Thyssen-Bornemisza aprì ufficialmente nel 1992. Da allora la collezione è stata estesa da acquisizioni effettuate dal governo spagnolo e da prestiti di Tita Cervera.

Cosa è incluso:

  • Ingresso alla collezione permanente e alle mostre temporanee.

Informazioni supplementari:

Trasporto Pubblico

  • Metro: Linea 2, fermata Banco de España
  • Autobus: Linee 1, 2, 5, 9, 10, 14, 15, 20, 27, 34, 37, 41, 51, 52, 53, 74, 146 e 150
  • Treno: Stazioni Atocha e Recoletos

Informazioni per l'Accesso

  • Giovani e bambini dovranno mostrare un documento di identità in corso di validità all'ingresso nel museo.
  • Per ragioni di sicurezza il museo non permette l'ingresso con zaini, borse, valigie, ombrelli, cibo e bevande.

Orari di apertura

  • Martedì - Domenica: 10:00 - 18:30. L'ultimo ingresso un'ora prima della chiusura

Accessibile a sedia a rotelle

Biglietti per Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid

I biglietti per Museo Thyssen-Bornemisza hanno un prezzo di 12€. Non restare senza biglietti, vieni a goderti una delle maggior attrazioni turistiche di Madrid.

Museo Thyssen

Museo Thyssen

Potrebbe interessarti...